mercoledì 28 settembre 2016

Le tre stimmate di Palmer Eldritch - Philip K. Dick



"La mandibola sdentata si dimenò e le orbite disabitate si spalancarono. L’evoluzione che ha subìto non è avvenuta in vita, ma sottoterra."


Su Marte la vita fa schifo, il terreno non è particolarmente fertile e le persone vivono in dei tuguri.
Su Marte la gente è obbligata ad andarci, perché le nazioni unite vogliono ad ogni costo colonizzare il pianeta rosso.
Per sfuggire a questa vita indegna, i coloni adoperano una particolare droga: il Can-D.
Il Can-D funziona accoppiato ad una sorta di plastico, i coloni diverranno gli omini di quel plastico e grazie a questo sistema vivranno, per la durata dell'effetto della droga, una vita da sogno o quantomeno dignitosa.
Leo Bulero è un ricco imprenditore, produttore di Can-D, ma il suo impero viene minacciato dal misterioso Palmer Eldritch e dalla sua nuova droga, il Chew-Z.
Il Chew-Z offre un illusione di vita molto più potente e realistica, inoltre non ha bisogno del plastico. Questa nuova droga, però, ha anche un lato inquietante: tutto ciò che succede nei trip sembra essere creato dalla mente di Palmer.

Questa è, grossomodo, la trama di uno dei migliori romanzi di Dick: "Le tre stimmate di Palmer Eldritch", che nella mia classifica personale viene immediatamente dietro ad i tre grandi capolavori di Dick, ovvero "Ubik", "Un oscuro scrutare" e "La svastica sul sole".
Cosa rende così importante questo romanzo? Il fatto che sia una delle più grandi riflessioni che un autore di fantascienza abbia mai fatto sulla religione.
Attraverso il Chew-Z, che metaforicamente è l'ostia che il prete da ai fedeli, si entra in un mondo in cui tutto è creato da Palmer Eldritch: lui è quasi sicuramente una rappresentazione del divino.
Andando avanti nel romanzo noteremo che qualcosa, però, sfugge a Palmer, che sia il libero arbitrio? Potrebbe, la cosa certa è che con questa storia Dick ci propone una sua personale visione della religione, della spiritualità.

Altro particolare del romanzo è che, qui come non mai, i personaggi sono terribilmente deboli ed indecisi, lo si capisce benissimo nel passo che recita: "qualsiasi cosa scegliamo, sappiamo questo: era l’alternativa sbagliata".

Anche dal punto di vista puramente narrativo Dick qui è particolarmente "potente", nei punti in cui i personaggi hanno trip allucinogeni, causati dalla droga, quasi riusciamo ad entrare anche noi in questi viaggi assurdi, a patto di lasciarsi trasportare completamente da ciò che leggiamo, senza pensare che ci stiamo distaccando da una trama logica.

By Ivan
From Hell

martedì 20 settembre 2016

Molto dopo mezzanotte - Ray Bradbury


"La vera saggezza, dicono, sta nelle cose che non vengono dette"


Questo è un post della serie "pubblicazione che dovete cercare assolutamente in un mercatino dell'usato"
Si, perché la raccolta in questione è stata pubblicata negli anni 70 da Urania e poi ciao ciao, non ha più visto la luce (che io sappia, se mi sbaglio correggetemi pure).
"Molto dopo mezzanotte" dovrebbe avere un sottotitolo: "Come dovrebbe essere un racconto breve" questo perché se Ray Bradbury può non piacere come romanziere (secondo me era un grandissimo anche nello scrivere opere lunghe, ma son gusti) è indubbia la sua abilità nei racconti.
Bradbury è uno dei grandi maestri della short story, il suo nome può essere affiancato agli altri maestri del genere, e non faccio i nomi di questi perché sarebbe inutile, penso.
Il punto è che Bradbury è conosciuto per i suoi racconti di fantascienza, questa raccolta vi farà cambiare idea.
In questa raccolta potrete trovare storie di fantascienza, certo, ma anche horror, noir, thriller e perfino sentimentali. Alcune potrebbero essere collocate anche al di fuori della letteratura di genere.
Insomma, questa raccolta la consiglio soprattutto perché smentisce la fama di Bradbury scrittore di fantascienza e basta. Bradbury era uno scrittore, uno scrittore che ha scritto tanta fantascienza, certo.
Come al solito, consiglio tre racconti in particolare:
- Delitto senza castigo Un noir, dove un uomo vuole ucciderne un altro, ma in realtà è un pretesto per uccidere il suo passato.
- I miracoli di Jamie Una strana storia di un ragazzo che si crede la reincarnazione di un certo messia.
- Gioco d'ottobre Un thriller, dove abbiamo il macabro gioco di un uomo con un grosso problema matrimoniale.

By Ivan
From Hell

lunedì 19 settembre 2016

Racconti Liguri - AA.VV. (Tra cui me)




E niente, ho dovuto aspettare i 30 anni, ma alla fine la soddisfazione di una pubblicazione l'ho avuta.
A pagina 25 di questa raccolta è presente un mio racconto: "Il signor Qualunque (Il signor Nessuno)", un racconto vagamente surreale.
A chi interessasse, la raccolta è acquistabile a questo link: http://www.historicaedizioni.com/prodotto/racconti-liguri/

Buona lettura.
By Ivan
From Hell