lunedì 25 novembre 2013

Fight Club - Chuck Palahniuk



"Questa è la tua vita e va finendo un minuto alla volta"


Dopo la sesta volta che leggo questo romanzo, ovvero il mio romanzo preferito, mi viene da chiedermi: perché non ne ho mai fatto una recensione?
Probabilmente perché sarebbe una cosa inutile, questo romanzo è diventato talmente importante che su internet si possono trovare milioni di blog che ne hanno fatto recensioni.
Ciò non toglie che sul mio blog DEVE esserci traccia di questa opera.
Questo non vuol dire che sto per farne una recensione, ma sto per illustrarne la mia chiave di lettura.
Questo post è, dunque, rivolto a chi ha già letto il libro.
Inizio subito col dire che, a mio parere, questo romanzo è male interpretato dai più.
I lettori esaltati, politicamente esaltati, quando leggono Fight Club pensano: "Anarchia, questo romanzo è un inno all'anarchia. Questo romanzo ci incita a rivoluzionare il mondo in qualcosa di anarchico"

No, assolutamente no.

A mio parere Chuck non ci vuole assolutamente dire che dobbiamo cambiare il mondo.
Perché dico questo?
Pensateci bene: finché il "Fight Club" si è limitato ad essere "Fight Club" tutto è andato come il protagonista voleva andasse.
I problemi sono iniziati quando il Fight Club è diventato "Progetto Caos", tutto è iniziato a  sfuggire dalle mani di "Tizio"
Questo perché il Fight Club era indirizzato all'INDIVIDUO, mentre il Progetto Caos alla SOCIETA'.
Ciò che Palahniuk ci vuole veramente dire è: "Fanculo alla società, che faccia quello che vuole. Noi siamo esseri individuali"
La nostra rivoluzione dev'essere interna, dobbiamo pensare alla nostra individualità non come a qualcosa di negativo, ma alla prima cosa su cui fare riferimento in qualsiasi occasione.
Fight Club parla di rivoluzionare non la società, ma se stessi.
E questo può avvenire solo attraverso la riscoperta della propria individualità.

By Ivan
From Hell

6 commenti:

  1. Risposte
    1. Beh, era un post più che altro pensato per chi avesse già letto il libro, ma va bene uguale.
      L'importante è diffondere il verbo di Palahniuk XD

      Ti ringrazio per il commento ! Ho visto che hai un blog anche te, inizierò a seguirlo ;)

      Elimina
  2. Bell'analisi che sento di condividere in toto.
    Ottimo blog, come gusti e interessi viaggiamo sulla stessa cresta d'onda. Ti seguo ben volentieri!

    RispondiElimina
  3. Secondo me il messaggio del libro è quello diretto alla persona. In questo sono d'accordo con te. Il messaggio è: cercate di guardarvi dall'esterno, siete animali a cui serve anche lo sfogo, fisico e mentale. Il giorno dopo del Fight Club, quando incontrerete il panettiere a cui avete rotto il naso, lo guarderete con occhi differenti. Secondo me la chiave, in estrema sintesi, sta lì. Ti seguirò. Ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è non fermarsi all'interpretazione della collettività ma cercarsene una propria.
      Grazie del commento ;)

      Elimina